giovedì, Maggio 13, 2021

ENI FIRMA UN NUOVO ACCORDO OFFSHORE IN OMAN

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Il CEO dell’Eni Claudio Descalzi, in visita ufficiale in Oman, ha firmato un accordo di esplorazione e produzione nell’offshore del paese arabo.

L’ Exploration and Production Sharing Agreement (EPSA) è stato siglato tra il Governo del Sultanato dell’Oman, Oman Oil Company Exploration and Production (OOCEP), controllata dalla società di Stato Oman Oil Company SAOC (OOC) e la corporation italiana, alla presenza del Ministro del Petrolio e del Gas dell’Oman, Mohammed bin Hamad al Rumhi, dell’Amministratore delegato di OOC, Isam Al Zadjali, di Descalzi e del Presidente e Amministratore Delegato di Qatar Petroleum, Saad Sherida Al Kaabi.

L’accordo riguarda il Blocco 52, che si trova – spiega l’Eni in una nota – in una vasta area poco esplorata, con potenziale di idrocarburi identificato, collocata nell’offshore della regione meridionale dell’Oman ed estesa per circa 90.000 Km2, con una profondità d’acqua che varia da 10 a oltre 3.000 metri. A seguito dell’accordo, Eni diventa operatore del blocco con una quota dell’85%, detenuta attraverso la sua controllata Eni Oman BV, mentre OOCEP è partner con la restante quota del 15%.

Durante lo stesso evento, che si è tenuto a Mascate, Eni e Qatar Petroleum hanno firmato un accordo di assegnazione di una quota del 30% nel Blocco 52 a favore di Qatar Petroleum. A seguito di questa operazione, la joint venture sarà composta da Eni con una quota del 55%, Qatar Petroleum con il 30% e OOCEP con il 15%. L’accordo è soggetto all’approvazione delle autorità competenti del Sultanato dell’Oman.

“La firma del Exploration and Production Sharing Agreement per il Blocco 52 rappresenta un passo fondamentale nella strategia di rafforzamento della presenza di Eni nel Medio Oriente. Vogliamo stabilire con il Sultanato dell’Oman, storico produttore di petrolio e gas della regione, un rapporto di lunga durata, nella migliore tradizione della nostra società. Inoltre, diamo il benvenuto a Qatar Petroleum, consapevoli di unire le nostre forze nel Blocco 52 con un partner forte e leader riconosciuto in tutto il mondo nel settore dell’LNG”, ha commentato l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...