mercoledì, Maggio 18, 2022

STATOIL FIRMA CON TRANSOCEAN UN MAXI-CONTRATTO PER ATTIVITA’ OFFSHORE IN UK E NORVEGIA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

La corporation energetica norvegese Statoil si è assicurata il semisubmersible rig Transocean Spitsbergen, della compagnia svizzera Transocean – tra i primi operatori al mondo nelle perforazioni offshore – per due diversi incarichi in Gran Bretagna e in Norvegia, firmando altrettanti contratti il cui valore complessivo supera ampiamente i 100 milioni di dollari.

Nel Regno Unito, Statoil utilizzerà lo Spitsbergen per perforare tre nuovi pozzi esplorativi nelle aree Jock Scott e Verbier, nell’ambito del giacimento Marine che dovrebbe avere riserve di greggio pari a 250 milioni di barili e il cui ‘first oil’ è previsto per il 2018. “L’utilizzo del rig di Transocean ci consentirà di esplorare nuove opportunità in Gran Bretagna, dove attualmente stiamo portando avanti la più importante campagna dal 2011” ha commentato Jenny Morris, vice president Exploration UK di Statoil. Questo primo contratto con Transocean, ha rivelato la stessa Statoil in una nota, ha un valore di 18 milioni di dollari.

Dopo le fatiche britanniche, che inizieranno la prossima estate per terminare entro fine anno, il semisubmersible rig si sposterà quindi nell’offshore della Norvegia, dove la corporation lo utilizzerà – in forza ad un contratto del valore di 95 milioni di dollari – per perforare sei nuovi pozzi di produzione nell’ambito della licenza Aasta Hansteen, un giacimento di gas scoperto nel 1997 che ha riserve per 47 miliardi di metri cubi. Questo campo estrattivo verrà sviluppato tramite una nuova unità FPSO attualmente in costruzione in Norvegia, che sarà la più grande al mondo e inizierà ad operare all’inizio del 2018.

Geir Tungesvik, senior vice president Drilling & Well di Statoil, he ricordato che la compagnia ha già utilizzato diverse volte, e con soddisfazione, il Transocean Spitsbergen per attività nell’offshore norvegese.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...