giovedì, Maggio 13, 2021

L’IRAN AFFIDA ALL’ENI LO STUDIO DI FATTIBILITA’ PER DUE GIACIMENTI

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

L’Eni, da sempre attiva in Iran fin dai tempi dello scià, torna protagonista dell’industria energetica del paese.

Recentemente infatti la corporation di San Donato Milanese ha firmato un MoU con National Iranian Oil Company (NIOC) per lo studio di fattibilità dello sviluppo del giacimento di gas Kish e della terza fase del giacimento petrolifero Darquain, nell’ambito degli sforzi – spiega la stessa NIOC in una nota – messi in campo dall’Iran per riportare la produzione a livelli pre-sanzioni.

“L’Eni ha fatto un lavoro importante al Cairo e nel Mediterraneo, agendo rapidamente ma con elevati standard qualitativi, motivo per cui abbiamo deciso di riporre nell’azienda italiana la nostra fiducia per i giacimenti Kish e Darquain” ha commentato il vice managing director di NIOC per lo sviluppo e le attività ingegneristiche Gholamreza Manouchehri.

Dalla firma, Eni avrà 6 mesi di tempo per presentare i risultati del suo studio, a cui al momento comunque non sono legati investimenti diretti dell’azienda italiana.

Il Chief Upstream Officer di Eni Antonio Vella ha inoltre ricordato l’ormai consolidato rapporto di collaborazione tra le due aziende, interrotto solo per cause di forza maggiore durante il periodo delle sanzioni. Prima dell’embargo Eni aveva collaborato allo sviluppo di molti progetti, come Fase 4 e Fase del giacimento petrolifero South Pars, e allo sviluppo dei giacimenti petroliferi Darkhovin, Doroud e Balal.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...