martedì, Marzo 2, 2021

L’IRAN AFFIDA ALL’ENI LO STUDIO DI FATTIBILITA’ PER DUE GIACIMENTI

Must read

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

L’Eni, da sempre attiva in Iran fin dai tempi dello scià, torna protagonista dell’industria energetica del paese.

Recentemente infatti la corporation di San Donato Milanese ha firmato un MoU con National Iranian Oil Company (NIOC) per lo studio di fattibilità dello sviluppo del giacimento di gas Kish e della terza fase del giacimento petrolifero Darquain, nell’ambito degli sforzi – spiega la stessa NIOC in una nota – messi in campo dall’Iran per riportare la produzione a livelli pre-sanzioni.

“L’Eni ha fatto un lavoro importante al Cairo e nel Mediterraneo, agendo rapidamente ma con elevati standard qualitativi, motivo per cui abbiamo deciso di riporre nell’azienda italiana la nostra fiducia per i giacimenti Kish e Darquain” ha commentato il vice managing director di NIOC per lo sviluppo e le attività ingegneristiche Gholamreza Manouchehri.

Dalla firma, Eni avrà 6 mesi di tempo per presentare i risultati del suo studio, a cui al momento comunque non sono legati investimenti diretti dell’azienda italiana.

Il Chief Upstream Officer di Eni Antonio Vella ha inoltre ricordato l’ormai consolidato rapporto di collaborazione tra le due aziende, interrotto solo per cause di forza maggiore durante il periodo delle sanzioni. Prima dell’embargo Eni aveva collaborato allo sviluppo di molti progetti, come Fase 4 e Fase del giacimento petrolifero South Pars, e allo sviluppo dei giacimenti petroliferi Darkhovin, Doroud e Balal.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...